ALTA QUALITà

Il Castello di Granarola ha selezionato esemplari di grande qualità per produrre lana naturale particolarmente pregiata. La lana d’alpaca è unica nel suo genere. La finezza della lana, la morbidezza, insieme alla sua brillantezza, determinano la qualità del prodotto. Il tessuto si adatta alla forma del corpo. Le qualità termiche la rendono particolarmente adatta alla produzione di abbigliamento invernale: tiene il calore sei volte di più della lana di pecora. Inoltre è anallergica, calda e non pizzica. 

ORIGINE DELL’ALPACA

È un mammifero appartenente alla famiglia dei camelidi, una delle due specie domestiche assieme al lama. Originario del Sud America (Perù, Cile e Bolivia), dove viene allevato da più di 4.000 anni, appartenente alla famiglia del lama, della vigogna e del guanaco.
Sin dall’antichità gli alpaca venivano allevati come animali domestici dagli Inca per la loro lana, il pellame e la carne.
Gli stessi li appellavano “l’oro delle Ande” e la loro pregiatissima fibra, a cui veniva attribuito uno status quasi magico, veniva definita “la lana degli dei“. Solamente l’imperatore, la sua famiglia e i membri più importanti della corte potevano indossare capi realizzati in fibra di alpaca.

Lana: usi e particolarità

L’alpaca ha una caldissima, folta e finissima lana per proteggerli dal freddo delle Ande. Un tempo prerogativa solo della più pregiata nobiltà. Viene infatti utilizzata per la creazione di accessori come: cappelli, sciarpe, guanti, stole in lana d’alpaca e per l’abbigliamento: maglie e maglioni. La fibra è disponibile in 22 colori naturali, nelle sfumature del bianco, del beige, del marrone, del grigio fino al nero. La richiesta di questa fibra sul mercato mondiale è in continua crescita: anche in Europa, il numero di stabilimenti attrezzati per la sua lavorazione è in continua crescita.